0931 61641

Blog

Modica, drammatizzazione sulla Resistenza a 70 anni dalla Costituzione

“Era giunta l’ora di resistere, era giunta l’ora di essere uomini, di morire da uomini per vivere da uomini” scrive P. Calamandrei. “Resistenza era la scelta dell’umano contro il disumano, ciò che valeva, e che dovrebbe sempre valere, è da che parte stare; se si è, appunto, dalla parte giusta.” scrive D. M. Turoldo. E come un dialogo tra ciò che fu la Resistenza e cosa oggi può significare resistere nasce lo spettacolo Valore da storia, portato in scena dalla Compagnia del Piccolo Teatro di Modica, la scuola secondaria di I grado Giovanni XXIII di Modica e con il Patrocinio del comune di Modica e la Fondazione Teatro Garibaldi, il sostegno della Fondazione di comunità Val di Noto, dell’Associazione APS Il S.O.L.C.O. e dell’enoteca Cantina Feudo Ramaddini. Lo spettacolo, che sarà portato in scena il 4 giugno, alle 21, al Teatro Garibaldi di Modica, sarà una performance composita di musica dal vivo, ad opera degli alunni che compongono l’orchestra della scuola Giovanni XXIII diretti dal M° E Luca, e di recitazione con gli attori della Compagnia del Piccolo Teatro di Modica e con la partecipazione del coro, diretto dal M° G. Rizza, composto dagli alunni delle classi I della scuola Giovanni XXIII e delle III, IV e V della scuola paritaria Regina Margherita. Al centro della messinscena il periodo storico della Resistenza da cui è nata la nostra Repubblica e di cui è figlia la Costituzione italiana di cui nel 2018 ricorrono i 70 anni dell’entrata in vigore. Lo spettacolo offrirà un’occasione di riflessione agli spettatori grazie all’esercizio necessario della memoria storica. Non si può difendere e salvaguardare il presente, e il futuro, senza uno sguardo retrospettivo e la lotta partigiana è una delle pagine più sofferte ma anche più vive e partecipate della storia italiana che, come alcuni fatti di cronaca dimostrano, rischia di sbiadirsi e di perdere forza e valenza. Il testo vuole ripercorrere alcuni momenti di vita dei partigiani e delle partigiane, tuttavia l’intento degli organizzatori è anche quello di unire passato e presente e quindi, tramite le parole di uomini e donne che sperimentano, per le loro battaglie sociali e civili la “resistenza” quotidianamente, ci si propone di attualizzare il messaggio di quegli eroi comuni che ci hanno fatto dono di uno Stato libero, aperto e democratico.
Per info e prenotazioni rivolgersi al botteghino del Teatro Garibaldi, tel 0932 946991

Lascia un commento